Arte urbana sulle alture di Antibes

Esci dai sentieri battuti per scoprire questi affreschi

Attenzione, è in salita!!! Noleggia una bicicletta elettrica o indossa le scarpe da trekking e scopri le opere situate sulle alture della città di Antibes Juan-les-Pins.
Non hai scarpe da trekking? Puoi lasciare l'auto nel parcheggio eco-mobilità (route de Grasse), vicino a La sChOOL o prendere uno degli autobus della rete envibus - n. 9, 6 o A - che ti lasceranno vicino ad alcune delle opere.

N° 2 - lo studio degli oggetti contemporanei di ZOER

Zoer, un pittore figurativo nato in Italia, trascorre la sua vita tra Parigi e Saint-Martin-Vésubie. Acrilico e pittura ad olio sono i suoi mezzi preferiti. La sua ricerca plastica ruota intorno allo studio dell'oggetto - per capirne la filosofia, l'uso - e ne coglie in pittura i momenti durante e dopo la vita. Dal ritratto dell'oggetto alla questione dell'impronta, la pratica dell'artista tende ad esplorare l'inevitabile rinascita della forma e della materia.

No. 1 - le pareti della sChOOL, un'area di espressione per gli artisti tra cui : SLY2, SKIO, GREMS e TOMAS LAQUE

Nato nel 1984, Sly2 è un artista autodidatta multidisciplinare con una laurea in produzione di stampa. Ha scoperto i graffiti alla fine degli anni '90 ed è diventato un membro fondatore del gruppo 3PP. Sempre più richiesto e animato dalla passione, viaggia in tutto il mondo. Mettendo costantemente in discussione il mondo che lo circonda, le sue opere riflettono la sua personalità spontanea, istintiva e piena di talento, e sceglie di condividere le sue opere per stabilire un dialogo.
Se i muri hanno orecchie, possono anche parlare...

Skio, un artista di Nizza che ora vive a Parigi. Il festival lo ha già accolto nel 2020 per la creazione di un Coul'Box e la mostra alla sChOOL "Ici des artistes ont fait le mur". Un artista a tutto tondo che ama sperimentare nuove tecniche: inchiostro, acrilico, spray e anche composizione digitale. Il suo lavoro si articola tra un mondo digitale e uno organico dove la trasposizione di forme geometriche astratte si intrecciano con i volti.

Grems o Michael Eveno è nato nel 1978. Vive e lavora a Londra. Laureato alla Scuola di Belle Arti di Bordeaux, è un'artista che si esprime attraverso il rap, il design grafico e l'arte contemporanea. Profondamente radicato nel mondo dell'hip-hop, ha sviluppato il proprio stile sia nel suo universo musicale che in quello grafico.

Tomas Lacque è un artista nato nel 1984 che vive e lavora a Bordeaux. Nel 1998, ha iniziato i graffiti senza un obiettivo specifico, guidato da una passione e da un desiderio straripante. La sua visione è Post-graffiti e basata su un'astrazione spontanea di colore, contrasti e forme con una base comune di gesto. Dalla genesi del suo approccio, ha cercato di emanciparsi sia dalla tecnica che dalla composizione per muoversi verso una pittura più spontanea e contemporanea.

N°3 - l'affresco futuristico di KOTEK

Kotek è un artista di graffiti molto attivo nel sud della Francia. Questo artista autodidatta ha iniziato ad usare la vernice spray quasi 20 anni fa a Parigi e non ha mai smesso di perfezionare la sua tecnica, in particolare creando affreschi monumentali. Dopo aver scoperto la tecnica dell'anamorfosi, alla quale si è adattato rapidamente, orienta la sua arte verso la decorazione ed è molto richiesto nel mondo dell'arte urbana per collaborazioni così come da parte di professionisti e privati.

N° 4 - seconda opera di ASTRO sulla città di Antibes Juan-les-Pins.

Astro è un artista che ha realizzato i suoi primi graffiti nella periferia nord di Parigi. Dopo aver iniziato con il lettering, ha creato un universo astratto mescolando curve, calligrafia e forme dinamiche. A suo agio con i grandi formati, crea numerosi affreschi nel cuore della città e inganna l'occhio dello spettatore distorcendo le facciate, creando impressionanti illusioni ottiche; un lavoro che fa anche su tela.

N° 5 - l'opera gigantesca di HELL'O.

Hell'o è un duo di artisti belgi, Jérôme Meynen e Antoine Detaille.  Provenienti dal mondo dei graffiti, si sono lasciati alle spalle scritte e bombolette spray per carta, pittura, disegni a inchiostro e installazioni. Insieme, si evolvono all'interno di un universo grafico ricco e intrigante, che si sviluppa costantemente, moltiplicando i riferimenti. Strani animali, piccoli personaggi e strane creature ricordano il fantastico mondo delle favole e dei racconti. Le loro composizioni evocano anche un universo surrealista e onirico.

N°6 - L'opera trompe-l'oeil di SCAF

Scaf è un artista di 39 anni della Lorena, appassionato di disegno fin da bambino, che ha iniziato a fare graffiti nel 2002. Preferisce principalmente lo stile realistico e il fumetto. Negli ultimi anni, il suo lavoro si è concentrato sugli animali e sull'anamorfosi. Le illusioni ottiche che crea sono per lui dei veri e propri campi da gioco dove l'artista interagisce con l'architettura. Il murale diventa un'opera fotografica grazie alle ambientazioni spesso insolite.

Sulla via del ritorno verso il centro di Antibes, prendi la route de St Jean e fermati al n°715.

N°7 - l'opera in 3D di IZZY IZVNE

Izzy è una giovane artista moldava. Il suo stile mescola calligrafia e 3D. L'artista si impegna a creare opere che incoraggiano il pubblico a guardare in profondità, giocando sugli effetti trompe-l'oeil e scoprendo ciò che non è visibile a prima vista. Come artista impegnata, promuove la cultura urbana in Moldavia tra le giovani generazioni, per collegarle tra loro e con i valori di pace, condivisione e unità.